Ancona, furto di farmaci all’ospedale di Torrette per 200mila euro. La direzione: «Presto un caveau e telecamere»

ANCONA – Caveau per i farmaci più costosi e rafforzamento della video sorveglianza. Sono alcuni dei provvedimenti disposti dalla direzione ospedaliera di Torrette dopo il furto di farmaci messo a segno la notte scorsa nella farmacia del nosocomio regionale, dove sono stati asportati medicinali per un valore di circa 200mila euro.

I ladri, che si sono introdotti all’interno della farmacia intorno alla mezzanotte, facendo saltare una finestra provvista di barre protettive, hanno sottratto farmaci anti hiv, anti tumorali e medicinali per la fibrosi cistica. Sul posto gli agenti della polizia scientifica e le volanti della Questura di Ancona. Sulla vicenda indaga la Squadra mobile di Ancona.

Un fenomeno, quello dei furti di farmaci, che sta diventando sempre più allarmante in Italia dove questi episodi si ripetono. Nelle Marche si erano già verificati un paio di raid nei depositi farmaceutici dell’Asur e uno l’anno scorso all’ospedale di Senigallia. Farmaci che con tutta probabilità finiscono fuori regione nel mercato parallelo delle cliniche private o abusive, o fuori dai confini nazionali verso l’Africa e l’Est Europa.

Furti che il più delle volte vanno ad alimentare le maglie nere della camorra, della ‘ndrangheta e della criminalità dell’Est.

A Torrette questa mattina, giovedì 25 settembre, il direttore generale degli Ospedali riuniti Michele Caporossi e il direttore amministrativo Antonello Maraldo hanno convocato e presieduto una riunione straordinaria con l’imperativo assoluto di evitare il ripetersi di nuovi furti di farmaci a Torrette. Dall’incontro, al quale hanno preso parte anche i responsabili dell’ufficio tecnico, della farmacia ospedaliera, della direzione medica, degli uffici amministrativi, degli affari generali e legali, sono emersi una serie di interventi che verranno messi in atto per rafforzare ulteriormente le misure di sicurezza.

La direzione ospedaliera farà realizzare all’interno della farmacia ospedaliera un caveau dove andranno a confluire tutti i farmaci più costosi e la farmacia sarà dotata di sistema di allarme volumetrico. Tutte le finestre della farmacia (14 in totale), già dotate di sbarre protettive, verranno blindate e saranno posizionati nuovi impianti di video sorveglianza con registrazione video. Nell’attesa che le misure difensive vengano attuate, la farmacia ospedaliera sarà presidiata giorno e notte da personale della vigilanza. L’ospedale regionale ha una copertura assicurativa che coprirà i costi del furto.

«Si è trattato di un blitz notturno difficile da intercettare – ha commentato il direttore generale Michele Caporossi – i ladri hanno

fatto saltare una finestra e la relativa grata protettiva. Purtroppo nella lotta alla piaga dei furti di farmaci non esiste una ricetta, ma è necessario individuare misure immediate, come abbiamo fatto questa mattina durante l’incontro straordinario. Alcuni farmaci costosi erano già protetti in aree isolate, ma nel caveau che faremo installare faremo confluire tutte le terapie farmacologiche più dispendiose. Intanto resta attivo il protocollo di collaborazione con la Questura di Ancona».

Il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia Carlo Ciccioli parla di furti su commissione, «sono bande organizzate che in alcuni casi rivendono ai farmacisti, mentre in altri immettono i medicinali sul mercato illecito estero. Il problema è che in genere nelle aziende non ci sono sufficienti difese passive, mentre occorre potenziare sbarramenti e videosorveglianza. Ad Ancona non è il primo caso, era già accaduto un paio di volte al Cras. Tutti i depositi della zona sono a rischio, come anche nel resto d’Italia, è importante quindi lavorare sulla prevenzione. Gli uffici tecnici devono organizzarsi altrimenti ogni volta sono colpi fortissimi».

«Un fatto molto grave – commenta il consigliere regionale Gianluca Busilacchi – sul quale sono certo la magistratura e le forze dell’ordine interverranno tempestivamente. Grave perché va ad incidere direttamente sulle persone che stanno peggio e, se come sembra, si sta verificando in tutto il paese: questo fa pensare ad un disegno più grande, forse legato alla criminalità organizzata, in ogni modo è un evento da non sottovalutare e quindi da agire tempestivamente in modo incisivo».

Loro dormono, i ladri svuotano i portafogli. E anche altri tentativi di furto

SENIGALLIA – I ladri entrano in casa mentre la famiglia dorme e si accontentano di pochi spiccioli. E’ accaduto nei giorni scorsi in un’abitazione di Strada della Passera. I proprietari si sono accorti la mattina seguente notando i vestiti e portafogli in giro per casa e una finestra spalancata. Poche decine di euro il bottino. Tre anche i tentativi di furto, due alle Saline e uno in via Borgo Marzi, dove lunedì mattina invece un colpo è andato a segno.

«Negli ultimi giorni ho ricevuto la segnalazione di due tentativi di furto avvenuti alle Saline per i quali sono state chiamate le forze dell’ordine – spiega Francesco Albani, fondatore dell’Osservatorio sulla legalità e la sicurezza – e sono contento che i diretti interessati l’abbiano fatto anche se si è trattato solo di un tentativo fallito. E’ sempre bene informare le forze dell’ordine». Avendo aperto da alcuni anni anche la pagina Facebook “Furti e segnalazioni Senigallia e paesi limitrofi” spesso Francesco Albani riceve le segnalazioni di chi crede di rendere un servizio utile nel raccontare la propria esperienza, pur non volendo sempre esporsi in prima persona.

«Negli ultimi giorni si sono verificati due episodi di notte mentre le famiglie dormivano: uno in Strada della Passera, l’altro in via Borgo Marzi – aggiunge – ancora i diretti interessati non hanno sporto denuncia. Ritengo sia utile invece che lo facciano ugualmente. Torno a ribadire l’importanza del denunciare perché segnalarlo sui social è sicuramente utile ma fondamentale è mettere a conoscenza le forze dell’ordine di ciò che avviene per rintracciare i responsabili». Potrebbero essere stati gli stessi che lunedì mattina in via Borgo Marzi a Sant’Angelo sono entrati in una casa approfittando dell’assenza dell’anziana proprietaria. «Hanno rubato circa 300 euro – racconta la figlia –, è accaduto intorno alle 10 di lunedì. Più che altro hanno fatto molto caos oltre ovviamente allo spavento nel rientrare a casa per mia madre».

Ladri in Autogrill

Fabriano (AN), furto in un autogrill: rubati soldi, sigarette e Gratta e Vinci

17/09/2019 09:06

Furto in un autogrill situato a poche centinaia di metri dalla svincolo di Fabriano Est, in provincia di Ancona. I ladri si sono introdotti forzando la porta principale, ed una volta all’interno del locale hanno rubato circa 3mila euro presenti nella cassaforte e diverse centinaia di pacchetti di sigarette e tagliandi Gratta e Vinci. Il bottino stimato è di 15mila euro. Sul caso sono in corso le indagini delle forze dell’ordine.

Ladri in un allevamento, rubate quasi 200 pecore.

Risveglio amaro per un pastore 31enne, originario di Chiaravalle, proprietario di un allevamento ovino a Falconara in via Poiole: nelle prime luci di domenica ha trovato il cancelletto che chiudeva l’ampio recinto destinato al ricovero di oltre 300 pecore, completamente spalancato ed il lucchetto divelto. Immediato l’intervento sul posto di una pattuglia di carabinieri della locale Tenenza che si è posta subito alla ricerca del bestiame. Dopo circa mezz’ora, i militari hanno rintracciato a diverse centinaia di metri dal recinto, la metà del bestiame, ovvero circa 160 pecore che girovagavano

spaesate in compagnia di uno dei cani da pastore rimasto a sorvegliare il branco. È verosimile che le rimanenti 160 mancanti all’appello (in tutto l’allevamento contava 320 animali) siano state caricate su un rimorchio nottetempo, mentre le restanti sono rimaste incustodite all’esterno del recinto in compagnia del “cane da gregge” che le ha sorvegliate fino al ritrovamento da parte dei militari dell’Arma. Il proprietario ha stimato il danno intorno ai 20mila euro ed attualmente non ha riferito alcun particolare sospetto utile alle indagini. I carabinieri ipotizzano tuttavia un furto su commissione e sono tuttora al vaglio le registrazioni delle varie telecamere installate nel trilatero Falconara-Montemarciano-Chiaravalle.

IESS: Nuovi moduli mod. MD4GE e MD4GI

I nuovi moduli mod. MD4GE e MD4GI:

forniscono connettività 2G, 3G e 4G per il telecontrollo, per la connessione a METRONET e per l’invio di messaggi di allarme vocali (centrali serie Genio dalla versione FW V8.5.0.0) o via SMS (centrali serie Genio dalla versione FW V8.5.0.0 e centrali serie MEC dalla versione FW 5.3.1).

Supporta comunicazioni in fonia in connettività 2G e 3G in fall-back.

In presenza di connettività 3G è possibile mantenere attive contemporaneamente la connessione in fonia e la comunicazione tramite il canale dati METRONET.

ACCESSORI COMPATIBILI CON MOD. MD4GE

  • ANT4GEXA2 Antenna opzionale compatibile con MD4GE , con cavo da 2mt. e relativi connettori
  • ANT4GEXA15 Antenna opzionale per MD4GE con cavo da 15mt e relativi connettori.
  • ANT4GMEC Kit antenna interna per centrali serie MEC (con versione fw 5.x), necessario per installare correttamente il modulo MD4GE.

Nuovo Furto di Arnie nelle Marche

Ancora un furto di api e stavolta il bottino è ingente. I ladri nella notte tra domenica e lunedì sono entrati in azione ad Ostra, all’interno di una azienda agricola da dove hanno rubato ben 28 melari pieni per un totale di circa 500 chili di miele.

A denunciare l’accaduto è stata la vittima stessa, Vincenzo Menna, apicultore, che ha affidato il suo sfogo ai social. Un modo anche per mettere in guardia i colleghi dal momento che i furti di arnie, stando alle varie testimonianze raccolte, starebbe proliferando proprio nella provincia di Ancona. Menna si è accorto di quando accaduto lunedì pomeriggio, quando ha aperto le arnie per recuperare il prezioso miele. Purtroppo l’amara sorpresa.

Dagli alveari erano spariti circa 500 chili di miele. I ladri, per non dare nell’occhio, hanno lasciato inalterati i telai in modo da guadagnare tempo e far si che l’apicoltore si potesse accorgere del furto solo una volta aperte le arnie. “Sono certo che il furto sia avvenuto di notte -racconta Menna- hanno lavorato anche sulla cassa con la bilancia. Alle 8 di sera le arnie avevano un peso e alle 7 del mattino un altro. Il contenuto rubato è di 28 melari pieni”.

Menna, che ha trasferito le sue arnie in prossimità di un campo di girasoli ad Ostra proprio in coincidenza della fioritura degli stessi, non è la sola vittima. Un altro furto di arnie, sempre ad Ostra, era stato denunciato il 9 luglio scorso. In quel caso i ladri avevano rubato venti arnie con le api. Le arnie vuote erano state poi rinvenute alcuni giorni dopo abbandonate in un terreno agricolo.

Furti in casa d’estate, ecco come difendersi

Periodo estivo: capita più di frequente che si verifichino razzìe dei ladri nelle case lasciate vuote, mentre i proprietari si godono ignari le vacanze. Il colonnello Michele Roberti, comandante provinciale dei carabinieri, mette in fila le precauzioni per difendersi dalle incursioni dei malintenzionati: puntare sulla prevenzione, innanzitutto, per ridurre al minimo il rischio che accada.

Ecco come fare per difendersi dai furti nelle abitazioni. «Per prima cosa, non fornire mai informazioni sul proprio allontanamento, soprattutto tramite i social network – sottolinea Roberti –. Evitare ad esempio di scrivere su Facebook che si va in vacanza, per quanto tempo si starà fuori e così via. I ladri in genere agiscono dove sono più sicuri di non essere scoperti, se hanno la certezza che non ci sarà nessuno, sanno che in quella casa potranno agire indisturbati. Capita spesso di leggere sui social che uno si sta godendo una settimana di relax da qualche parte. Ecco, ci vuole un attimo a rintracciare dove abita quella determinata persona, specialmente se il contesto è quello di un piccolo centro, nei paesini è molto più

facile individuare quale sia l’abitazione di una persona. E, al di là dei social, va detto il meno possibile che si lascerà la casa vuota per un tot di tempo, meno persone lo sanno e meglio è».

In proposito può risultare fondamentale la solidarietà tra vicini. «Importantissimo diventa in questi casi il rapporto di buon vicinato – fa notare il colonnello Roberti –, una rete che si attiva in caso di bisogno, sia per le piccole necessità che per le grandi come appunto può essere un’incursione in abitazione. In caso di assenza prolungata informare quindi solo poche persone di fiducia che magari ogni tanto vanno anche a verificare che sia tutto in ordine».

Altrettanto fondamentale è provvedere a proteggere la propria casa con dispositivi ad hoc, «che siano collegati possibilmente con i numeri di emergenza delle forze di polizia – suggerisce Roberti –. Ci sono dispositivi che si mettono sui punti d’accesso dell’abitazione, vale a dire porte e finestre. Appena queste vengono aperte, scatta l’allarme che invia una chiamata prima di tutto alle forze

dell’ordine e poi in serie ai numeri che il proprietario a inserito, innanzitutto il proprio, e poi possono essere quelli di un vicino, di un parente, di un amico fidato. Questi numeri vengono programmati attraverso il computer, e quando l’allarme si attiva li chiama in sequenza. Il consiglio è di mettere sempre per primo il 112 o il 113, così sarà il primo che il dispositivo contatterà e le forze dell’ordine potranno andare subito sul posto, mentre intanto l’allarme continuerà a chiamare in successione gli altri contatti che il proprietario avrà scelto di inserire».

Ancona, i proprietari escono per fare spesa e al rientro trovano l’appartamento svaligiato „ Escono per fare spesa, i ladri abbattono la porta blindata e scappano con l’oro Furto in pieno giorno a due passi dalla caserma dei carabinieri “

Ancona, i proprietari escono per fare spesa e al rientro trovano l’appartamento svaligiato

Erano usciti per fare la spesa e, al rientro, hanno trovato la casa svaligiata. Torna l’allarme furti in pieno centro, stavolta in via Piave, a due passi dalla caserma dei carabinieri.

I proprietari, una coppia di pensionati anconetani, erano usciti attorno alle 9,30 di questa mattina. Quando sono tornati, verso le 11, si sono imbattuti nel disastro: la porta blindata del loro appartamento al quarto piano era stata completamente divelta con l’utilizzo di piedi di porco e arnesi da scasso (eppure nessuno nel palazzo ha sentito rumori). La camera da letto è stata messa sotto sopra: i ladri hanno rovistato nei cassetti e negli armadi alla ricerca di preziosi. Sono riusciti a scappare con pochi soldi (una cinquantina di euro trovati in un portafogli) e diversi monili, tra cui collane, braccialetti, anelli, oltre a un orologio d’oro per un valore complessivo di svariate migliaia di euro, senza considerare gli ingenti danni alla porta.

„Indagano i carabinieri che hanno raccolto il racconto di una testimone: ha riferito di aver incrociato due uomini mai visti prima, uno fermo nei pressi del portone (forse faceva il “palo”), l’altro brizzolato che scendeva le scale. Non poteva immaginare, però, che fossero dei ladri. “

Furti Ancona, ladri acrobati. “Casa svaligiata mentre dormivamo” Amaro risveglio per i proprietari a Collemarino: “Si sono arrampicati”

Ancona, 25 maggio 2019 – «Penso solo al fatto se mi fossi svegliata in quel momento, e li avessi visti dentro casa. Mi vengono i brividi». Furto nella notte tra giovedì e ieri probabilmente tra l’una e poco prima delle 4 di notte («a quell’ora ho la sveglia per andare al lavoro»), in un appartamento al civico 26 di via Tamburini a Collemarino.

«Sono entrati al secondo piano – racconta la vittima – arrampicandosi sulla parete del condominio, utilizzando i mattoni forati come scala. Raggiunto il balcone – prosegue – probabilmente con un trapano a mano sono riusciti a bucare la portafinestra all’altezza della maniglia, per poi aprirla. Entrati, di loro non si è accorto nemmeno il nostro Jack Russel che normalmente abbaia per qualsiasi cosa. E’ incredibile».

Ad accorgersi del furto è stata proprio la donna, che vive nell’appartamento insieme al marito e alla figlia: «Ma solo una volta alzatami e andata a cercare la borsa che avevo lasciato sul tavolo e che non c’era più. Ciò che fa rabbrividire e che mi terrorizza – dice – è il fatto che siamo tutti soliti dormire con la porta della camera socchiusa… e le abbiamo trovate invece aperte. Questo vuol dire che sono anche entrati nella stanza e ci hanno visto dormire. Il cane ieri mattina non ha avuto comportamenti strani e noi ci siamo svegliati senza mal di testa né altro» aggiunge quasi a significare che i ladri non hanno nemmeno utilizzato particolari spray anestetici. Magro il bottino consistente in «150 euro in contanti prelevati dal portafoglio mio, e di mio marito». I ladri «che erano almeno due, a quanto ipotizza la polizia – continua – sono poi andati via passando nuovamente dalla finestra per calarsi fino al cortile dove hanno selezionato quanto rubato. La porta blindata dell’abitazione era infatti chiusa regolarmente dall’interno».

A ritrovare alcuni degli effetti personali rubati in tutta fretta e poi abbandonati dai malviventi perché inutili «è stata mia figlia quando ha poi portato a spasso il cane. Erano sparpagliati nel cortile condominiale e la stessa cosa è avvenuta al civico 22 dove, anche in questo caso, i ladri sono entrati mentre i proprietari dormivano. Pure loro – fa sconfortata – risiedono al secondo piano». Qui però non sono riusciti a portare via nulla. «A mente fredda – chiosa – penso a cosa abbiamo rischiato e la paura che ci saremmo presi nel vederceli dentro casa. Non riusciamo a capire come abbiano fatto a non far alcun tipo di rumore al punto da non svegliare nemmeno il cane. Purtroppo – conclude – chiudere la porta non serve a nulla perché queste persone riescono ad arrampicarsi ed entrano dalle finestre». Sul posto, per effettuare i rilievi di rito nelle due abitazioni, sono intervenute le Volanti e la polizia Scientifica che hanno avviato le indagini.